NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - L'INTERNO
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - L'INTERNO

Firenze. ''Abbiamo fatto un lavoro serio, di confronto, di discussione e di elaborazione, che ci consente di essere piu' uniti''. Ne e' convinto il segretario dei Ds Piero Fassino, che conversa con i giornalisti al termine del seminario nazionale della Quercia sul tema 'L'Italia e le riforme'. ''Usciamo da questo seminario avendo definito gli obiettivi prioritari di una moderna sinistra riformista, con un grado di condivisione largo -ha proseguito Fassino- cosa che ci consente di contribuire sia al rilancio dell'Ulivo sia al rilancio dell'iniziativa del nostro partito in modo forte. Penso che sia una buona cosa soprattutto in un momento in cui, la destra e il governo Berlusconi, sono in evidente affanno, dimostrando ogni giorno di piu' di non essere in grado di dare al paese quella guida autorevole di cui ci sarebbe necessita'''. ''E dunque -ha concluso Fassino- si pone per il centro sinistra e per noi Ds il compito di accelerare le nostre iniziative per costruire un'alternativa credibile alla destra''.

Firenze. Sergio Cofferati ancora una volta ha confermato che, per il momento, non intende assumere alcun incarico di partito all'interno dei Ds. E lo ha fatto conversando con i giornalisti a Firenze a margine della sua partecipazione al seminario nazionale della Quercia. ''Sono interessato alla discussione sui programmi e ad essa intendo dare tutto il mio contributo'', ha ribadito ancora una volta l'ex segretario della Cgil. Ma Cofferati, ha precisato ai giornalisti che piu' volte lo hanno incalzato, non ha nessuna intenzione in questa fase di assolvere incarichi dirigenziali, nonostante le ripetute offerte giunte dai massimi esponenti del suo partito.

Firenze. ''Fortunatamente si e' rimesso tutto in movimento e cioe' il rilancio della proposta politica dell'Ulivo, la ricerca di modi per decidere insieme e anche il confronto sul programma. E queste cose devono procedere insieme, perche' c'e' bisogno, presto, di offrire al Paese non solo un'opposizione ma un'alternativa di governo''. Lo ha dichiarato Massimo D'Alema, parlando con i giornalisti al termine del seminario nazionale dei Ds che si e' chiuso oggi a Firenze. ''Mi pare che abbiamo fatto un grande passo in avanti, un passo verso la conciliazione, cioe' nel senso non solo della serenita' del confronto ma anche del venire alla luce di punti effettivi di convergenza. E siccome si e' capito -ha aggiunto D'Alema- che vogliamo lavorare anche sul programma dell'Ulivo, mi pare che Sergio Cofferati abbia dichiarato la sua disponibilita' ad impegnarsi. Credo che queste giornate fiorentine siano state utili, non solo per il nostro partito, ma anche per il centro sinistra e il Paese''. A una domanda se tuttavia tra il gruppo dirigente di Fassino e D'Alema e il correntone restino ancora delle differenze sostanziali, D'Alema ha cosi' risposto: ''io metto l'accento sugli elementi di chiarimento e di convergenza. Poi il commento e' libero''. (segue)

(Sin/Rs/Adnkronos)