FS: FIT-CISL, INACCETTABILI DICHIARAZIONI CIMOLI SU CONTRATTO
FS: FIT-CISL, INACCETTABILI DICHIARAZIONI CIMOLI SU CONTRATTO

Roma, 2 dic. (Adnkronos) - ''Spiace e stupisce rilevare che ancora una volta l'amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Giancarlo Cimoli, in occasioni pubbliche, rivolga accuse strumentali al sindacato in merito alla lentezza esasperante con la quale procede la trattativa per il nuovo contratto delle Attivit Ferroviarie''. E' quanto dichiara, in una nota, il segretario nazionale della Fit-Cisl Vito Tedesco, secondo il quale queste affermazioni ''sono tanto piu' gravi perche' oltre a fornire informazioni travisate, tendono a coinvolgere il sindacato in una sterile polemica per il grave ritardo di fronte al quale si trovano tutti i ferrovieri, ormai da tre anni senza contratto''.

In particolare, prosegue il sindacalista, ''affermazioni gravi e lesive come quelle che i macchinisti delle Fs lavorino 18 ore settimanali creano un clima di ulteriore difficolta', alzando inutilmente i toni dello scontro. Ci chiediamo - prosegue- se si voglia realmente definire, in tempi rapidi il nuovo contratto delle attivit ferroviarie o se queste inaccettabili dichiarazioni non celino la volonta' di pregiudicare il negoziato''. Tedesco ricorda che da oltre un mese il sindacato attende risposte dall'azienda risposte decisive per la conclusione del nuovo contratto di lavoro.

(Sec-Mcc/Pe/Adnkronos)