TLC: GASPARRI, MATERIA DI COMPETENZA STATO MA ANCHE REGIONI
TLC: GASPARRI, MATERIA DI COMPETENZA STATO MA ANCHE REGIONI
DIMENSIONE FEDERALE NON DEVE PERO' ANDARE A DISCAPITO SVILUPPO

Roma, 2 dic. - (Adnkronos) - ''Le Regioni, in materia di comunicazione, devono tenere presente che in molti casi si parla di reti globali: la dimensione federale, da questo punto di vista, non deve andare a discapito dello sviluppo, della compatibilita'. Cosi' il ministro delle Comunicazioni, Maurizio Gasparri, commenta la proposta di Federcomin circa sul riportare all'esclusiva competenza dello Stato la materia 'ordinamento della comunicazione'. A giudizio del presidente di Federcomin Alberto Tripi, il disegno di legge costituzionale Bossi-La Loggia, attualmente all'esame del Senato, sarebbe un'ottima occasione per tradurre nella norma questa posizione. Tuttavia pur ammettendo che per alcuni settori della comunicazione si possano creare del problemi, a giudizio di Gasparri le competenze delle Regioni debbono restare purche' ''non ostacolino lo sviluppo economico''.

''Ci sono aspetti -ha detto Gasparri conversando con i giornalsiti a margine del convegno su 'Federalismo e Comunicazioni'- come l'attivita' televisiva che possono essere regolati con contratti di servizio, ad esempio tra Rai e Regioni come prevede la mia proposta di legge all'attenzione del Parlamento''. Problemi possono sorgere anche in altri settori, ''come nel campo della realizzazione delle reti di telefonia e delle telecomunicazioni''. (segue)

(Val/Rs/Adnkronos)