BIOTECH: DAL LABORATORIO ALLA PENNA, ARRIVA PREMIO LETTERARIO
BIOTECH: DAL LABORATORIO ALLA PENNA, ARRIVA PREMIO LETTERARIO
IN GARA ROMANZI E SAGGI, EDITI E NON

Roma, 10 dic. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Dalle provette di laboratorio alla penna, o meglio al pc. Ad invitare ricercatori, medici e appasionati a raccontare il 'pianeta biotech' e' l'Accademia delle biotecnologie Serono, che ha dato vita al primo Premio letterario sulle biotecnologie. In gara, saggi e romanzi, editi e non, che abbiano come tema questo settore della ricerca legata alla salute.

In giuria, alcuni fra i principali genetisti italiani, presenti oggi a Roma alla presentazione del concorso, che mette in palio 5.000 euro per i romanzi editi e i saggi scientifici, e 3.000 per i romanzi inediti. ''Obiettivo, trovare dei narratori che possano divulgare argomenti a volte troppo ostici, e contribuiscano a diffondere la conoscenza non solo fra il pubblico specializzato'', spiega Carlo Alberto Redi, ordinario di biologia dello sviluppo dell'Universita' di Pavia e componente della giuria.

''Le biotecnologie hanno abbattuto molti steccati -sottolinea Leonardo Santi, presidente del Comitato nazionale per la biosicurezza e le biotecnologie della Presidenza del Consiglio- ma c'e' bisogno di farle conoscere di piu' alla gente''. ''Ed e' fondamentale intrecciare umanesimo e scienza -aggiunge la scrittrice Patrizia Carrano- oggi che lo sguardo e' puntato sui misteri del genoma''. Le opere dovranno essere inviate entro il 15 marzo 2003 alla segreteria organizzativa (Errepi Comunicazione, Corso Vittorio Emanuele II 284, 00186 Roma). La premiazione e' in programma a giugno dell'anno prossimo.

(Sal/Gs/Adnkronos)