F1: MARTINI, CAMPIONATO PARALLELO SAREBBE SOLO PROBLEMA
F1: MARTINI, CAMPIONATO PARALLELO SAREBBE SOLO PROBLEMA
''IL CAMPIONATO DI F1 DEVE ESSERE MENO COSTOSO E PIU' SPETTACOLARE''

Roma, 10 dic. (Adnkronos) - La sola idea di creare un campionato parallelo di formula uno sarebbe un errore, la volonta' deve essere quella di abbassare i costi ed aumentare la spettacolarita', non quella di spezzare in due un campionato, giunto oggi, ai massimi livelli di tecnologia. Pierluigi Martini, ex pilota di formula uno, e' di questo parere. ''Personalmente sono dell'idea che spezzare le cose in due, sia sempre un problema. I massimi vertici della Formula uno ed i costruttori devono trovare un sistema perche' il campionato sia meno costoso nella gestione delle scuderie e piu' spettacolare per i tifosi. Bisogna creare un campionato dove prevalga lo sport e il pilota, sulla tecnologia''.

Un esempio potrebbe essere quello della superbike. ''In formula uno, a differenza dei campionati come la superbike o la moto grand prix, quando una scuderia prende il sopravvento puo' diventare irraggiungibile. Un po' come la Ferrari oggi che non vince, ma stravince i campionati. Il consiglio che mi sento di dare -continua Martini- e' quello di smetterla di esasperare le macchine dal punto di vista tecnologico. Sarebbe bello tornare al cambio manuale, vedere guidare le automobili e non solo ridurre il pilota a fare le frenate, perche' il sostanza fanno solo quello, per ammirare i top driver alla 'guida reale' della macchina. In superbike e' tutto piu' reale, i piloti escono dalle curve in 'derapata', per questo il pubblico si diverte maggiormente. E poi il valore del pilota verra' sempre fuori''.

(Sin/Gs/Adnkronos)