11 SETTEMBRE: POLVERI DELLE TORRI MENO DANNOSE DEL PREVISTO
11 SETTEMBRE: POLVERI DELLE TORRI MENO DANNOSE DEL PREVISTO
STUDIO USA, SOSPETTI SULLA CAUSA DEI DISTURBI RESPIRATORI

New York, 23 dic. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Un sospiro di sollievo per i sopravvissuti del crollo delle Twin Towers: le polveri sollevate dal crollo dei due grattacieli sono molto meno dannose del previsto. Una buona notizia sia per gli scampati all'attentato dell'11 settembre 2001, che per i newyorkesi della zona sud di Manhattan, che per giorni hanno respirato i detriti di Grond Zero. A rivelarlo e' uno studio pubblicato sulla rivista Environmental Science & Technology, della Societa' americana di chimica. Gli scienziati erano preoccupati soprattutto per le concentrazioni di pesticidi e bifenili policlorinati, utilizzati in centinaia di prodotti industriali prima del bando del 1977. ''Ma le quantita' di queste sostanze nelle polveri sollevate dalle Twin Towers sono risultate inferiori a quelle temute, ridimensionando il rischio sanitario''.

Secondo i calcoli degli esperti, il crollo delle Torri gemelle ha liberato, nell'aria, dalle 100 alle 1.000 tonnellate di idrocarburi aromatici policiclici, considerati tra i piu' pericolosi cancerogeni. ''Per fortuna pero' - rivela il rapporto - le particelle liberate nell'aria erano troppo grandi per arrivare, attraverso le vie respiratorie, fino ai polmoni, fermandosi invece nelle vie respiratorie piu' superficiali, dove hanno fatto meno danni''. Per determinare la composizione delle polveri sollevate dal crollo delle Torri gemelle gli esperti hanno raccolto campioni in 13 differenti aree di Ground Zero, nei giorni immediatamente seguenti all'attentato, scoprendo invece ''una grande concentrazione di fibre di vetro e Ph elevato, che potrebbero essere stati all'origine dei disturbi alle vie aeree registrati tra i sopravissuti e la popolazione del sud di Manhattan''.

(Sal/Pn/Adnkronos)