** NOTIZIARIO MEDICINA ** (7)
** NOTIZIARIO MEDICINA ** (7)

(Adnkronos/Adnkronos Salute) -

RAFFREDDORE: ECHINACEA INUTILE CONTRO I SINTOMI

A raffreddore gia' iniziato l'echinacea diventa inutile. La pianta largamente usata per curare i sintomi, quindi, secondo uno studio statunitense, diventa inefficace contro mal di gola, naso 'gocciolante' e altri malesseri provocati dal raffreddore. Inoltre i dati pubblicati sulla rivista 'Annals of Internal Medicine' suggeriscono anche che l'erba, scoperta dagli indiani d'America, non riuscirebbe ad accorciare neppure i tempi di guarigione. Bruce P. Barrett e Roger L. Brown, della University of Wisconsin di Madison, hanno sperimentato l'effetto di compresse contenenti estratto secco della pianta di echinacea su un campione di 150 studenti universitari. Come la maggior parte delle preparazioni in commercio, le compresse contenevano Echinacea purpurea (pianta, 25%; radici, 25%) ed E. angustifolia (radici, 50%).

Meta' dei volontari sono stati trattati con echinacea all'insorgere dei primi sintomi di raffreddore, mentre, l'altra meta', di controllo, a raffreddore iniziato riceveva solo un farmaco placebo. L'echinacea e' stata assunta, in dosi di 1 gr, sei volte al giorno il primo giorno di raffreddore e tre volte al giorno i successivi di malattia (per un massimo di 10 giorni). I risultati hanno mostrato che l'echinacea non dava il minimo sollievo ai sintomi del raffreddore, ne' li faceva durare di meno. Anzi, mediamente, il raffreddore e' durato 12 ore di piu' nel gruppo di ragazzi trattati con l'echinacea.

(Sal/Gs/Adnkronos)