PATRIMONIO SPA: IL COLOSSEO? NON SI VENDE, MA LA SUBURRA SI' (2)
PATRIMONIO SPA: IL COLOSSEO? NON SI VENDE, MA LA SUBURRA SI' (2)
IN CAMBIO DELLA 'VALORIZZAZIONE' GLI EDIFICI DEL 'CAMPIDOGLIO 2'

(Adnkronos) - Il protocollo prevede ''la valorizzazione di alcuni complessi immobiliari dello Stato'': il compito dell'agenzia del Demanio e' di ''migliorarne le prospettive reddituali, sino ad ora limitate'', quello del Comune aiutare lo Stato a raggiungere gli obiettivi di valorizzazione, cambiando la destinazione d'uso dei complessi edilizi elencati nel protocollo. Tra questi anche l'Angelo Mai, chiuso pochi mesi fa dopo una storia secolare di istruzione alle classi piu' povere e, recentemente, accoglienza e assistenza anche medica agli immigrati. Un compito affidato fin dall'ingresso dei francesi nella Roma papalina ai Lasalliani; l'ultimo ''rettore'' dell'istituto e' uscito dall'Angelo Mai a giugno.

Riccardo Troisi, uno dei portavoce della Rete, afferma che sul futuro del complesso ''non ci sono ancora documenti precisi, ma sappiamo che il meccanismo e' scattato ed e' quello classico: prima di mettere in vendita l'edificio si cercano possibili acquirenti; sappiamo che c'e' gia' un accordo di massima del demanio con una grande societa' immobiliare, che interverrebbe solo se viene cambiata la destinazione d'uso. Vorrebbero farne una residenza di lusso, anche a vocazione turistica, con centro commerciale a piano terra. Gli amministratori politici si sono piegati a questa esigenza, in cambio dei soldi necessari a comprare gli edifici all'Ostiense dove far sorgere il cosiddetto Campidoglio 2''. In effetti, nel protocollo e' prevista, in cambio della ''valorizzazione'' degli immobili demaniali individuati, l'''acquisizione in proprieta' -si legge- destinati a diventare sede degli uffici capitolini''. (segue)

(Pab/Pe/Adnkronos)