FINANZIARIA: TREMAGLIA, AL SENATO HO FATTO IL MIO DOVERE
FINANZIARIA: TREMAGLIA, AL SENATO HO FATTO IL MIO DOVERE

Roma, 23 dic. (Adnkronos) - ''Al Senato ho compiuto il mio dovere nella tutela assoluta degli italiani all'estero. Rivendico ancora una volta che gli italiani nel mondo hanno gli stessi diritti degli italiani in Italia e debbono avere la stessa maggiorazione sociale, il famoso incremento fino a 1 milione di lire al mese, cosi' come previsto per i cittadini che risiedono in Italia. Ma nonostante le promesse della vigilia e la disponibilita' dei Gruppi parlamentari, al di sopra delle posizioni di parte, questo non e' avvenuto''. Lo ha affermato il ministro per gli Italiani nel Mondo, Mirko Tremaglia, in merito agli aumenti delle pensioni minime da cui, gli italiani che vivono all'estero, sembra siano stati esclusi.

''Ho denunciato con forza questo evento in Senato -ha aggiunto il ministro-. La discriminazione e' continuata, purtroppo con pesanti ripercussioni anche sul piano della costituzionalita' del provvedimento approvato. Ho preso atto delle promesse finali ma debbo certamente informare il Capo dello Stato e il presidente del Consiglio di quanto e' accaduto anche dal punto di vista del rispetto dei diritti costituzionali e -ha concluso- circa la compatibilita' delle mie responsabilita' e del mio impegno in questa situazione''.

(Com/Gs/Adnkronos)