RIFORME: CASINI, NON VANNO FATTE A 'SPIZZICHI E BOCCONI'
RIFORME: CASINI, NON VANNO FATTE A 'SPIZZICHI E BOCCONI'
CONDIVIDO AUSPICIO CIAMPI SU DIALOGO TRA MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE

Roma, 23 dic. - (Adnkronos) - ''Le riforme non possono essere fatte a 'spizzichi e bocconi', in ordine sparso, ma va diviso il cammino delle riforme tra Camera e Senato, per affrontarle in modo organico''. Lo ha detto Pier Ferdinando Casini nel corso degli auguri di fine anno alla stampa parlamentare.

Il presidente della Camera ha poi aggiunto di condividere ''l'appello del capo dello Stato per un dialogo sulle riforme, che si possono e si debbono fare attraverso una collaborazione costante tra maggioranza e opposizione. Certo -ha ammesso Casini- Nessuno di noi vive sulla luna. Tutti conosciamo il clima di scontro frontale tra maggioranza e opposizione, ma dico che se il presidente della Repubblica e i presidenti delle Camere non insistessero nell'invitare le forze politiche a un dialogo possibile, verrebbero meno ai loro doveri istituzionali''.

''In questo momento -ha detto ancora il presidente della Camera- le riforme sono sotto l'attenzione del Parlamento e dei partiti. C'e' la devolution, c'e' il titolo quinto della Costituzione gia' modificato e che potrebbe essere nuovamente cambiato, c'e' l'articolo 117, c'e' la modifica della forma di governo. Su quest'ultimo argomento non voglio entrare nel merito delle proposte, ma registro che c'e' chi predilige il cancellierato alla tedesca, chi il semipresidenzialismo alla francese, ricordo anche il progetto del presidenzialismo americano. Sono tutte cose da valutare...''.

(Rao/Pn/Adnkronos)