ARTE: MARCHE, ''PITTORI A CAMERINO NEL QUATTROCENTO''
ARTE: MARCHE, ''PITTORI A CAMERINO NEL QUATTROCENTO''
ILLUSTRAZIONI E FOTO A COLORI DEI PRINCIPALI DIPINTI MARCHIGIANI

Roma, 11 feb. - (Adnkronos/Adnkronos Cultura) - E' un vero e proprio volume enciclopedico, un'opera completa, ben diversa dai cataloghi d'arte e dalle monografie a tutto tondo. Si tratta di ''Pittori a Camerino nel Quattrocento'', l'opera omnia sull'umanesimo marchigiano, realizzata da Federico Motta Editore per la Banca delle Marche e presentata in esclusiva a Roma dal curatore Andrea De Marchi e da alcuni storici dell'arte di fama internazionale. Un insieme di saggi critici, schede, approfondimenti e, soprattutto, illustrazioni e foto a colori dei principali dipinti per mostrare l'importanza della pittura marchigiana nel panorama artistico nazionale e l'influenza spesso esercitata dai suoi rappresentanti nell'Italia municipale del tempo. Camerino, a quell'epoca, infatti, non era una citta' marginale, bensi' uno snodo fondamentale per tutti i traffici che dall'Adriatico penetravano l'Appennino. Cosa che favori' non poco la sua apertura alle novita' artistiche.

Olivuccio da Ciccarello, Arcangelo di Cola, Giovanni Boccati, Girolamo Di Giovanni, il Maestro di Arnano e il Maestro di Baregnano, Carlo Crivelli, Niccolo' Alunno sono alcuni dei nomi presenti nel volume. Nomi spesso poco noti che, pero', hanno determinato le scelte artistiche del nostro Quattrocento e influito sulle piu' famose scuole di Padova e di Firenze, dove spesso gli stessi marchigiani approdavano. Il volume, curato da Andrea De Marchi, docente di storia dell'arte all'Universita' di Udine, in collaborazione con alcuni allievi, nasce da un'esigenza di chiarezza su un periodo tra i piu' significativi della storia della pittura italiana. (segue)

(Red/Rs/Adnkronos)