IRAQ: ANDREOTTI, RISCHIAMO SUICIDIO COLLETTIVO (2)
IRAQ: ANDREOTTI, RISCHIAMO SUICIDIO COLLETTIVO (2)
NO A RUDE CENSIMENTO AMICI E NON AMICI USA, SADDAM DA QUANDO CANAGLIA?

(Adnkronos) - ''Se fosse stata dimostrata la connessione tra il regime iracheno e la nefasta attivita' di Bin Laden e della sua setta -ha spiegato Andreotti- sarebbe stato automatico o quasi il proseguimento della campagna dell'Afghanistan''. Ma ''l'operazione Iraq e' motivata con il proposito di punire uno Stato canaglia. Ma con quale decorrenza Saddam Hussein e' tra le canaglie? Fino alla sua provocatoria operazione del Kuwait il personaggio, che era sempre lo stesso, ha stoltamente ricevuto l'appoggio e il sostegno di molti Paesi oggi schierati in battaglia''.

Il senatore a vita, presidente del Consiglio all'epoca della prima guerra del Golfo, ricordando di essere tra quelli che ''hanno passato una vita nella costruzione di una politica di attiva solidarieta' con gli Stati Uniti'', ha stigmatizzato ''con forza l'idea rude di un censimento tra amici e non amici degli americani. Non cosi' si comporto' il presidente Bush senior, quando con intelligente pazienza guido' la grande coalizione che sconfisse Saddam Hussein nel Kuwait. (segue)

(Sam/Rs/Adnkronos)