**COM PARTE LA NUOVA CAMPAGNA SOCIALE DASH MISSIONE BONTA'
**COM PARTE LA NUOVA CAMPAGNA SOCIALE DASH MISSIONE BONTA'
IL 2003 VEDE IL RITORNO DI ''OSPEDALE AMICO'', UN

PROGETTO AMATO E VISSUTO EMOTIVAMENTE DALLE FAMIGLIE

ITALIANE.

A cura di: rosalba celestini/peliti associati (Procter & Gamble srl)

(IMMEDIAPRESS) - Roma, aprile 2003 - Per la sesta edizione di Missione Bonta', Dash torna a concentrare il suo impegno in Italia a sostegno dei bambini ricoverati negli ospedali.

Con il Patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Presidente della Commissione Parlamentare per l'Infanzia, parte dunque la nuova edizione di ''Ospedale Amico'' che si pone l'obiettivo di realizzare nuove sale gioco in tutti gli Ospedali Pediatrici Italiani e, successivamente, nei reparti pediatrici degli altri ospedali.

''Ospedale Amico'' intende sensibilizzare il grande pubblico verso il mondo del volontariato in ospedale, favorendo la formazione di nuovi volontari che andranno ad animare le sale realizzate, come gia' avvenuto nella prima edizione del 1999 quando vennero aperti 31 nuovi centri Abio in Italia e formati 3000 nuovi volontari.

La scelta di riprendere ed ampliare un progetto gia' proposto, e' dovuta alla filosofia che caratterizza Procter & Gamble: la consapevolezza del ruolo sociale che Dash ricopre, oggi, nel settore del non profit e la volonta' di tenere in considerazione i desideri dei suoi consumatori. Un sondaggio effettuato da Eurisko su un campione nazionale di 1000 famiglie per conto della P&G infatti, ha evidenziato come il 94% degli intervistati preferisca Ospedale Amico ad altre iniziative a carattere ludico/didattiche, ritendendo l'iniziativa socialmente utile (70%) e credibile (63%).

Oltre ad aver ricevuto consensi da parte degli italiani, Ospedale Amico e' una iniziativa apprezzata anche dalle istituzioni. ''Salutiamo con soddisfazione il progetto Ospedale Amico, nato dalla collaborazione fra i volontari dediti ai bambini ricoverati in ospedale ed un marchio commerciale - disse infatti il Ministro della Salute, Girolamo Sirchia in occasione della prima edizione di Ospedale Amico - che ha cambiato le prospettive di vita dei piccoli degenti. Un apprezzamento particolare a Dash che, con grande sensibilita', ha deciso di allontanarsi dagli usuali schemi pubblicitari e di legare il suo nome a una esperienza di grande valenza umana''.

I nuovi ambienti che verranno realizzati, saranno costituiti da uno specifico arredamento per l'infanzia mobili appositamente sviluppati per il progetto, giocattoli colorati, divertenti e sicuri, libri- e dalla decorazione delle pareti con disegni allegri e rassicuranti.

Ospedale Amico e' un progetto nazionale che si avvarra' della collaborazione dell'ABIO (Associazione per il Bambino in Ospedale), dell'AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie-Linformi-Mieloma) e possibilmente di altre associazioni di volontariato che operano all'interno delle strutture ospedaliere italiane.

''Le aziende possono utilizzare i propri marchi come strumento preziosissimo grazie al quale coinvolgere, informare e sensibilizzare i consumatori verso il mondo della solidarieta' - dichiara Vito Varvaro, Presidente e Amministratore Delegato di Procter & Gamble - fungendo da anello di congiunzione tra le persone in grado di offrire qualcosa e coloro che invece richiedono sostegno, spesso con l'ausilio di organizzazioni di volontariato che con la loro esperienza, le risorse locali nelle specifiche aree di intervento, contribuiscono ad identificare le necessita' verso cui l'azienda puo' rivolgere le proprie risorse.''

Mai si era assistito, come in questi ultimi anni, ad un fiorire di iniziative aziendali di sostegno umanitario e di comunicazione sociale. E' una tendenza che si va consolidando con sempre maggiore maturita' e che costituisce il modello aziendale del futuro negli ambienti piu' all'avanguardia dell'imprenditoria. Secondo un dato Nielsen-Sodalitas, nel 2002 sono state, infatti, 119 le aziende che hanno fatto campagne pubblicitarie per sostenere cause sociali per un valore di 80 milioni di euro. Oltre il 60% delle campagne viene effettuato da aziende di largo consumo. Esiste una tendenza, da parte dei consumatori, a chiedere maggiore responsabilita' alle aziende; il 73% dei consumatori italiani ritiene la responsabilita' sociale un elemento importante nella valutazione di una azienda e dei suoi prodotti (fonte Ipsos-Explorer - 2002)

Partecipare al progetto Ospedale Amico e' semplice: nel periodo da Aprile a Giugno del 2003, su 8 milioni di confezioni di Dash i consumatori troveranno un ''Buono della Solidarieta''' del valore complessivo di 1 euro. Per ogni buono presentato alla cassa i clienti otterranno uno sconto pari a 50 centesimi attivando una donazione automatica da parte di Dash dei restanti 50 centesimi al progetto ''Ospedale Amico''.

Una donazione potenziale che, in caso di utilizzo di tutti i buoni sconto, arriverebbe al valore di circa 4 milioni di euro.

Per informazioni addizionali: Ufficio stampa Dash Missione Bonta' Ospedale Amico 2 Rosalba Celestini - tel. 338.3597876

******************************************************************** ImmediaPress e' un servizio di diffusione di comunicati stampa in testo originale redatto direttamente dall'ente che lo emette. L'Adnkronos e ImmediaPress non sono responsabili per i contenuti dei comunicati trasmessi. ******************************************************************** 15-APR-03 03:22