PASQUA: CALABRIA, I RITI DELA SETTIMANA SANTA (3)
PASQUA: CALABRIA, I RITI DELA SETTIMANA SANTA (3)

(Adnkronos) - A Vibo Valentia intorno alle 11 di sabato Santo si ''cala a gloria'' cioe' si ''suona festa'' per annunciare la resurrezione di Gesu'. In questa occasione tutta la gente del paese mangia la ''frittata i pasca c'a 'nduja'', cioe' una frittata con una salsiccia molto piccante ottenuta con vari pezzi della carne di maiale. Un momento particolarmente commovente e coinvolgente e' la ''schiovatura'', cioe' la deposizione di Cristo dalla croce che si rivive ogni anno a Serra San Bruno.

A Pizzoni (VV), il giovedi' Santo, durante la rievocazione dell'ultima cena, il sacerdote bacia ritualisticamente i piedi dei dodici giovani raffiguranti i dodici apostoli mentre questi baciano la chierica al sacerdote. A Favelloni e Conidoni viene data ai dodici apostoli una ''curija'' (corolla) di pane, un'arancia e un bicchiere di vino. A Maierato la rappresentazione dell'ultima cena si svolge dopo la processione penitente degli apostoli. Nella tradizione popolare il pane e' considerato elemento protettivo contro le intemperie, cosi' la gente butta pezzetti di pane sui tetti per proteggere la casa. (segue)

(Prs/Gs/Adnkronos)