PELLICCE: LAV RIBADISCE, QUELLE DELLA RINASCENTE ERANO DI CANE
PELLICCE: LAV RIBADISCE, QUELLE DELLA RINASCENTE ERANO DI CANE

Milano, 15 apr. (Adnkronos) - Malgrado l'annunciata citazione per danni, la Lega Anti Vivisezione tiene duro e ribadisce che il gruppo Rinascente ha messo in vendita capi confezionati, almeno in parte, con pellicce di cane. ''I test del Dna resi noti a gennaio -afferma in una nota Simona Cariati, responsabile nazionale del settore pellicce della Lav, dopo che stamani l'ad del gruppo, Giovanni Cobolli Gigli, ha annunciato la citazione per danni della Lav- riguardanti due giacconi acquistati presso la Rinascente e Carrefour di Torino hanno scientificamente dimostrato che i giacconi analizzati contenevano pelliccia di cane domestico''.

''Non lo affermiamo noi della Lav -continua la Cariati- ma il Laboratorio chimico della Camera di Commercio di Torino che ha effettuato le analisti, istituzione del tutto indipendente dalle ragioni degli animalisti''. Le analisi commissionate dalla Rinascente, rileva ancora la Lav, sono state condotte su altri capi, non sul campione utilizzato dalla Lav. ''Pur non dubitando affatto che si tratti dello stesso articolo, non puo' trattarsi del campione'' fatto analizzare dalla Lav, dato che esso e' in possesso in parte del laboratorio in parte del magistrato.

(Red-Tog/Gs/Adnkronos)