TEATRO: PIGNOTTI, PORTO IN SCENA OMOSESSUALITA' DI NUREYEV
TEATRO: PIGNOTTI, PORTO IN SCENA OMOSESSUALITA' DI NUREYEV
''UNA ESISTENZA SCANDALOSAMENTE MERVIGLIOSA, ECCITANTE''

Roma, 27 lug. (Adnkronos) - ''Portero' a teatro l'omosessualita' del leggendario Rudy, un lato nascosto della sua personalita'. Troppo spesso combattuto, violato. In famiglia, all'interno del suo paese. Rudolf Nureyev rivivra' in scena sotto una luce diversa, nonostante la grandezza dell'artista e del danzatore''. Luigi Pignotti, per oltre trent'anni a fianco del grande ballerino russo, portera' a teatro uno spettacolo consacrato all'indimenticabile 'tartaro voltante'.

''La sceneggiatura e' pronta da tempo, sono da quattro anni a tavolino per ricomporre i frammenti di una esistenza scandalosamente meravigliosa ed eccitante, che lo ha visto protagonista'', spiega ancora Pignotti che sta portando in tournee in Italia, in questi giorni, il Gala Nureyev, con alcune stelle del firmamento della danza mondiale quali Alen Bottaini, Maximiliano Guerra, Christina Olsson, Nilas Martins.

''Ho scavato nella sua vita -aggiunge Pignotti- tentando di captare le motivazioni profonde, il perche' della sua diversita' che lo spinsero, giovanissimo, a fuggire dalla Russia. Accanto a lui, in scena, la madre mai dimenticata, le sue crisi, la sua follia per quel figlio tanto amato e perduto per sempre. Non ha mai approvato le sue scelte, ma si sentiva inconsciamente responsabile''. (segue)

(Cap/Gs/Adnkronos)