LAVORO: MARONI, SI' A SALARI DIFFERENZIATI
LAVORO: MARONI, SI' A SALARI DIFFERENZIATI
MA CONTRATTAZIONE E' MATERIA SINDACATI

Venezia, 14 nov. (Adnkronos/Labitalia) - ''La richiesta di differenziare i salari non e' una novita', viene fatta da anni. Lo aveva gia' proposto la Lega negli anni Novanta e allora venivamo accusati di razzismo. Ora e' il Fondo monetario internazionale a chiederlo''. Lo ha sottolineato il ministro del Welfare, Roberto Maroni, a margine della Conferenza sulla responsabilita' sociale delle imprese, a Venezia.

''Io personalmente e il governo -ha affermato- siamo favorevoli a una definizione dei contratti che tenga conto delle diverse realta' territoriali e del differente costo della vita. Nel Libro bianco sul mercato del lavoro abbiamo posto il tema della riforma della contrattazione, tenendo conto delle diversita' territoriali. Ma -ha precisato- il governo non interviene nella definizione delle dinamiche salariali. Non possono che essere le parti sociali a definire se e come attuare questa richiesta del Fondo monetario.

(Lab/Cnz/Adnkronos)