NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE - LA CRONACA (6)
NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE - LA CRONACA (6)

Genova. E' diventato un vero e proprio giallo il traffico telefonico in entrata e in uscita dal cellulare del pubblico ministero Francesco Pinto nella notte dell'irruzione alla scuola Diaz, durante il G8 di Genova. Ha provocato notevole imbarazzo negli ambienti della Procura il fitto scambio di telefonate intercorse tra Pinto, che quella notte era il magistrato di turno, ed elementi della polizia. Per cinque volte il pubblico ministero fu chiamato dal capo della Digos Spartaco Mortola e per altre cinque cerco' e parlo' con il numero due Alessandro Perugini, come ribadito da una relazione consegnata alla Procura dalla squadra mobile. Pinto, al contrario, aveva spiegato ai magistrati che indagano sui fatti di Genova di aver ricevuto una sola comunicazione dalla polizia sull'irruzione alla Diaz. Oggi, a quanto apprende l'ADNKRONOS, sarebbero stati chiesti ulteriori accertamenti sul traffico in entrata e in uscita del cellulare del sostituto procuratore di Genova. Uno dei legali dei funzionari di polizia indagati per i fatti di Genova, avrebbe depositato a Palazzo di Giustizia una dettagliata richiesta di accertamenti sui contatti intercorsi tra Pinto e alcuni interlocutori. (segue)

(Nmk/Opr/Adnkronos)