NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (6)
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (6)

Roma. Tra la mezzanotte e le tre del 21 luglio 2001, la notte piu' drammatica del G8 di Genova, quella dell'irruzione alla scuola Diaz, 50 minuti di contatti telefonici intercorrono tra il pm Francesco Pinto e il capo della Digos, Spartaco Mortola. All'una, il sostituto procuratore generale della Cassazione, Vito Monetti, telefona al magistrato. La conversazione dura tre minuti. E' quanto risulta dai tabulati telefonici richiesti su istanza dell'avvocato Luigi Li Gotti, che difende Francesco Gratteri, il dirigente del Servizio centrale operativo della Polizia e tra gli indagati per il blitz alla scuola Diaz-Pertini conclusosi con 63 feriti e 97 arresti. Questa mattina il legale ha depositato una nuova istanza nella quale chiede l'estensione dei tabulati al periodo di tempo che precede la mezzanotte del 21 luglio. Qualcosa secondo Li Gotti, sentito dall'ADNKRONOS, non torna.

Roma. Il presidente della Camera, Pier Ferdinando Casini, informa un comunicato, ha risposto alla lettera inviatagli ieri dal presidente del Tribunale di Roma, Luigi Scotti sul caso Cleopatra. Casini, dopo aver ringraziato Scotti per la ''cortese'' missiva ricevuta, afferma: ''Desidero informarLa che ho trasmesso la Sua comunicazione, analogamente a quanto fatto dal presidente del Senato, alla Giunta per le autorizzazioni della Camera dei deputati al fine di acquisirne le valutazioni di competenza, attesa la particolare delicatezza istituzionale della tematica relativa alla corretta applicazione della legge n.140 del 2003''. ''Nel farLe presente -continua Casini- che l'approfondimento richiesto si inserisce nell'ambito del principio di leale collaborazione tra poteri dello Stato, che assume particolare rilievo in materia di tutela delle prerogative parlamentari, mi e' gradita l'occasione per inviarLe i miei migliori saluti''. (segue)

(Nmk/Opr/Adnkronos)