NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5)
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5)

Roma. ''E' un'assoluzione piena per Silvio Berlusconi''. Gaetano Pecorella, di Forza Italia, presidente della commissione Giustizia della Camera e difensore del presidente del Consiglio, commenta cosi' la conclusione del processo Sme. ''Viene completamente smontata l'ipotesi -aggiunge- che Berlusconi potesse avere delle responsabilita' per la vicenda Sme. Si e' dimostrata percio' fallimentare l'operazione politica condotta contro di lui in questi anni sia sul piano giudiziario che sul piano dell'attivita' dell'opposizione. Una sentenza sostanzialmente piu' equilibrata rispetto a quella emessa dalla quarta sezione, anche se restano dei dubbi''.

Roma. ''La sentenza, per quanto si puo' conoscere dal dispositivo, smonta completamente parte dell'ipotesi accusatoria''. Lo sottolinea Gianfranco Anedda, capogruppo di An alla Camera, commentando le conclusioni del processo Sme. ''Naturalmente -aggiunge- bisognera' leggere le motivazioni, ma in base alle notizie che si hanno, la condanna parrebbe fondarsi su elementi molto equivoci, come altrettanto equivoche sono le dichiarazioni della signora Ariosto. Per il resto, le sentenze vanno rispettate per quello che sono e discusse nelle sedi opportune''.

Roma. ''La sentenza dei giudici di Milano chiarisce quello che poteva essere evidente da anni, e cioe' l'inconsistenza di un'accusa, la corruzione dei giudici nella vicenda Sme, con la quale si e' tentato di infangare per molto tempo il nome di Silvio Berlusconi''. Cosi' il ministro per l'Attuazione del programma di governo, Claudio Scajola, commenta la condanna di Cesare Previti a 5 anni nell'ambito del processo Sme. ''Dopo quasi 8 anni fra indagini e processo, nel corso dei quali Berlusconi e' stato fatto oggetto nelle piazze, sulla stampa ed anche in Parlamento della piu' incredibile azione calunniatoria -sottolinea l'ex ministro dell'Interno- i giudici si sono resi conto che le accuse della Procura erano costruite su un fatto che non sussiste. Ci aspettiamo che tutti coloro che fino a ieri hanno diffamato il leader della Cdl chiedano scusa agli italiani''. (segue)

(Nmk/Opr/Adnkronos)