NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - L'INTERNO (2)
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - L'INTERNO (2)

Roma. ''I presidenti Pera e Casini hanno fatto bene a muoversi contro l'utilizzo scorretto delle intercettazioni telefoniche'' di parlamentari a proposito dell'operazione Cleopatra. Ma ''e' altrettanto grave che ci sia il sospetto che qualche uomo politico usi sostenze stupefacenti''. Cosi' Roberto Calderoli, coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Nord torna a parlare dell'inchiesta antidroga sulla 'Roma bene'. L'esponente del Carroccio non ci sta e chiede di estendere ''a tutti gli uomini politici'', anche ai magistrati il test per provare l'assunzione di sostenza stupefacenti. ''Gli interessati -e' l'invito del vicepresidente del Senato- devono venire a dire in aula la loro versione dei fatti. Ma si sottopongano ai test per evidenziare l'assunzione di sostenze stupefacenti al fine di verificare la veridicita' delle loro affermazioni. I test per questo tipo di assunzione dovrebbero essere fatti fare a tutti gli uomini politici e ai magistrati. E' incredibile che i test siano obbligatori per gli sportivi e che venga tolta la patente a chi viene trovato a guidare sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, mentre non si fa nulla nei confronti di chi guida il Paese''. (segue)

(Nmk/Opr/Adnkronos)