NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (3)
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - LA CRONACA (3)

Potenza. Sulla vicenda del deposito di scorie radioattive a Scanzano Jonico, il presidente della Regione Basilicata, Filippo Bubbico, ha inviato una lettera al presidente della Commissione Europea, Romano Prodi, al vice presidente della Commissione Europea, Loyola de Palacio, ed al commissario europeo all'ambiente, Margot Wallstrom per chiedere un ''incontro urgente''. L'incontro, scrive Bubbico, e' giustificato dalla ''gravissima situazione che si e' venuta a creare nella regione Basilicata a causa della decisione del Governo italiano''. ''Tale decisione - aggiunge il governatore -, condotta non considerando le corrette modalita' di gestione di una materia cosi' delicata, e' condizionata dal considerare opera militare il sito. Cio' anche se la provenienza di tutti i materiali e' totalmente civile. Una scelta di questo tipo renderebbe apparentemente non applicabili le direttive europee sulla Valutazione di Impatto Ambientale e sugli Appalti pubblici. E' del tutto evidente - sottolinea Bubbico - quali rischi sono sottesi a proseguire su questa strada e cio' appare abnorme ritenendo che non sia possibile eludere gli obblighi comunitari utilizzando escamotage''. Quanto al vertice odierno dei ministri a Palazzo Chigi, Bubbico non commenta e attende di conoscere gli esiti. (segue)

(Pab/Opr/Adnkronos)