NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - L'INTERNO
NOTIZIE FLASH: 2/A EDIZIONE - L'INTERNO

Gerusalemme. Gianfranco Fini, nel corso degli incontri avuti oggi alla Knesset con le Commissioni Difesa e Esteri e con il presidente Rivlin, ha chiarito ancora una volta il senso della sua presa di posizione di ieri sull'antisemitismo. ''Ho spiegato gli israeliani che per noi condannare significa assumersi una responsabilita' -ha detto il vicepremier al termine degli incontri- Si puo' condannare come giudici terzi ma anche come parte in causa, in questo senso significa che ci stiamo assumendo responsabilita' per il passato e per il futuro''. Secondo quanto hanno riferito fonti diplomatiche israeliane, parlando con il presidente della Knesset, Fini avrebbe ribadito che ''il popolo italiano si assume la responsabilita' per quanto e' avvenuto dal 1938, quando sono state adottate le leggi razziali. Non c'e' condanna se non c'e' assunzione di responsabilita''. (segue)

(Pab/Opr/Adnkronos)