ANDREOTTI: IL SENATORE, COLPITO DALLA DUREZZA DELLA CASSAZIONE
ANDREOTTI: IL SENATORE, COLPITO DALLA DUREZZA DELLA CASSAZIONE
LA PROVA CHE SI POSSONO AVERE GIUDIZI SEVERI CONTRO CHI SBAGLIA

Roma, 25 nov. - (Adnkronos) - Il senatore a vita Giulio Andreotti e' rimasto colpito dalla durezza del linguaggio utilizzato ieri dalla Corte di Cassazione. Lo ha affermato lui stesso a margine della presentazione del libro 'Occupate l'Eiar' scritto da Giorgio Magi, edito da Mursia. ''Mi ha colpito una certa durezza di linguaggio -ha osservato Andreotti riferendosi alle motivazioni con le quali la Suprema Corte lo ha assolto dall'accusa di essere il mandante dell'omicidio Pecorelli- io non sono molto abituato alle sentenze pero' soprattuto quanti hanno dimestichezza hanno rilevato questa durezza''.

Le motivazioni della Cassazione, come afferma il sette volte presidente del Consiglio, ''mi confortano perche' tutto sommato vuol dire che c'e' la possibilita' di avere giudizi severi nei confronti di chi ha sbagliato. Altrimenti -ha ammesso ancora Andreotti- ci sarebbe ad avere una certa sfiducia nel sistema. Io invece ho sempre avuto fiducia e alla fine questo premia''. (segue)

(Dav/Pn/Adnkronos)