NUCLEARE: MATTEOLI, GOVERNO NON RITIRERA' DECRETO (5)
NUCLEARE: MATTEOLI, GOVERNO NON RITIRERA' DECRETO (5)
EURODEPUTATI FIRMANO PETIZIONE ANTI SITO UNICO

(Adnkronos) - E mentre la protesta contro il sito nucleare di Scanzano continua a infiammare la Basilicata, uno schieramento trasversale di 22 eurodeputati italiani firma a Bruxelles una petizione nella quale si chiede un esame della conformita' del provvedimento del governo alla luce della normativa europea in materia ambientale. In particolare, gli eurodeputati chiedono alla Commissione Petizioni del Parlamento europeo di accertare se questa decisione potesse essere assunta dall'esecutivo senza consultare preventivamente le autorita' locali interessate e se la stessa e' stata preceduta da un'accurata valutazione di impatto ambientale, cosi' come previsto dalla direttiva europea nel caso di smaltimento e stoccaggio a lungo termine di residui sensibili, compresi quelli radioattivi. ''Sono questi i due punti -fa sapere l'eurodeputato diessino Gianni Pittella, promotore dell'iniziativa- che a nostro avviso il decreto legge non soddisfa''.

A firmare la petizione, anche gli onorevoli Fausto Bertinotti, Armando Cossutta, Giuseppe Di Lello, Luisa Morgantini e Luigi Vinci della Sinistra Unitaria Europea; Guido Bodrato e Giuseppe Brienza del gruppo dei popolari europei (Ppe), Enrico Borselli, Massimo Carraio, Pasqualina Napoletano, Giorgio napoletano, Elena Paciotti, Giorgio Ruffolo, Guido Sacconi e Gianni Vattimo del Partito del socialismo europeo (Pse), Giorgio Calo', Antonio Di Pietro, Luciana Sbarbati del gruppo dei liberali all'Eurparlamento (Eldr). (segue)

(Red/Gs/Adnkronos)