TV E MINORI: PER BAMBINI LA CRONACA PIU' VIOLENTA DEI CARTOONS
TV E MINORI: PER BAMBINI LA CRONACA PIU' VIOLENTA DEI CARTOONS
ECCO I RISULTATI DI UNA RICERCA CONDOTTA ALL'UNIVERSITA' DI SALERNO

Roma, 25 nov. (Adnkronos) - Per l'81 per cento dei bambini meridionali dagli otto ai 14 anni e' piu' violenta e fa piu' paura la realta' legata alla cronaca trasmessa in tv, piuttosto che la violenza espressa da fiction e cartoni animati. La violenza reale trasmessa in televisione, inoltre, e' riconosciuta come pericolosa dai bambini che, quindi, imiterebbero un personaggio ''fantastico'' della fiction o di un cartoon, ma mai un kamikaze terrorista. E' quanto e' emerso dalla ricerca ''Violenza televisiva e subculture dei minori nel Meridione'', realizzata da un'equipe di ricercatori dell'Osservatorio su violenza, media e minori, coordinata da Agata Gambardella Piromallo all'Universita' di Salerno.

I risultati della ricerca, condotta per tre anni su un gruppo di 90 bambini delle citta' campane di Napoli, Avellino e Salerno con una nuova metodologia scientifica basata sui 'focus-group', sono stati presentati oggi a Roma, da Agata Piromallo Gambardella nel corso di un incontro svoltosi a Palazzo San Macuto. All'incontro, coordinato da Giovanni Minoli, direttore di Rai Educational, sono intervenuti don Roberto Giannatelli, Presidente del MED, Universita' Pontificia Salesiana di Roma; Eligio Resta, Universita' degli Studi Roma Tre; Emilio Rossi, Presidente del Comitato di applicazione codice tv e minori; Anna Serafini, Responsabile nazionale Ds infanzia e adolescenza. (segue)

(Ada/Cnz/Adnkronos)