BANCHE: SAVONA, TORNINO AD ESSERE MOTORE DI SVILUPPO (4)
BANCHE: SAVONA, TORNINO AD ESSERE MOTORE DI SVILUPPO (4)
'PATTI CHIARI' INDICA CHE BANCHE HANNO PERCEZIONE DEL PROBLEMA

(Adnkronos) - D: Chi deve decidere il da farsi?

R: Per la normativa, ovviamente il legislatore. Per la prassi, gli operatori, ma sotto il controllo delle autorita' e del mercato (che ne giudichera' la professionalita').

D: Che ne pensa dell'iniziativa 'Patti chiari' dell'Abi?

R: Siamo lontani dalla soluzione da me prospettata, ma indica che le banche hanno almeno la percezione dell'esistenza del problema, ossia che ricade su esse il compito di informare i clienti del rischio che corrono.

D: E dell'annunciata iniziativa Centrale dei rischi/Standard & Poor di offrire un rating senza che le imprese lo richiedano?

R: Mi sembra un'ottima iniziativa, anche se mi preoccupa l'annuncio che lo scopo e' di standardizzare i criteri di valutazione del merito di credito. Il problema e' esattamente opposto: assegnare alle imprese, al di la' dei parametri tradizionali, anche meriti specifici del loro settore, della loro capacita' e della serieta' del management. Ho trovato molto perspicace la definizione di Corrado Passera: giudicare le imprese guardando solo i bilanci e' come guidare un auto guardando nello specchietto retrovisore. Non vorrei che un'iniziativa del genere accrescesse, anziche' diminuire, i rischi di fare di ogni erba un fascio, come per i bond senza rating a seguito del caso Cirio. (segue)

(Gpm/Zn/Adnkronos)