ITALIA: S&P CONFERMA RATINGS 'AA/A-1+', PROSPETTIVE NEGATIVE (2)
ITALIA: S&P CONFERMA RATINGS 'AA/A-1+', PROSPETTIVE NEGATIVE (2)
ESCLUDENDO 'UNA TANTUM' DEFICIT SUPERERA' IL 3% FINO AL 2006

(Adnkronos) - Il livello del debito della pubblica amministrazione che e' stimato al 105,3% del Pil nel 2003, sottolinea S&P, ''non solo e' uno dei piu' elevati tra gli stati sovrani dotati di rating, ma, nonostante i significativi introiti delle privatizzazioni e di altre entrate una tantum, decresce piu' lentamente rispetto ad altri stati altrettanto indebitati. Escludendo le non sostenibili entrate una tantum, si calcola che il deficit superera' il 3% del Pil di qui fino al 2006''.

La sfida sul fronte fiscale, osserva S&P, ''sarebbe solamente esacerbata se venissero implementati i considerevoli tagli alle tasse che erano stati promessi durante la campagna elettorale del 2001. Allo scopo di sortire un effetto di stimolo alla crescita, qualsiasi taglio alle tasse dovra' essere adeguatamente bilanciato da una riduzione delle uscite''. (segue)

(Eca/Pn/Adnkronos)