SANITA': USAE, OK SU PRE-INTESA MA PER ORA SCIOPERO CONFERMATO
SANITA': USAE, OK SU PRE-INTESA MA PER ORA SCIOPERO CONFERMATO
ATTESA FIRMA DEFINITIVA CONFERENZA STATO REGIONI

Roma, 25 nov. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Un accordo ''soddisfacente'', ma lo sciopero indetto per i prossimi 27 e 28 novembre sara' revocato ''solo dopo il via libera della Conferenza delle Regioni''. Cosi' l'Usae, l'Unione sindacati autonomi europei, commenta la pre-intesa sul rinnovo contrattuale del comparto sanita', raggiunta questa notte nella sede dell'Aran, l'agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni.

''La vicenda - dice l'Usae in una nota - ha subito una drastica accelerazione dopo la proclamazione dello sciopero nazionale. Sciopero che rimane in piedi in attesa del via libera alla pre-intesa anche dalla Conferenza delle Regioni''. Per Adamo Bonazzi, segretario generale Usae, si e' fatto ''un buon lavoro anche se la pre-intesa contiene alcune sbavature che speriamo di eliminare nella stesura definitiva dell'accordo. Speriamo - aggiunge - che la conferenza delle Regioni non faccia pazzie e approvi il documento. Altrimenti sarebbe il caos totale nella sanita' e le Regioni ne subirebbero le totali conseguenze. Naturalmente - conclude - la revoca dello sciopero previsto per il 28 e' subordinata alla decisione della Conferenza delle Regioni sul testo approvato questa notte. L'Usae, infatti, lamenta per contro uno sbilanciamento dei poteri a favore delle Regioni nella contrattazione decentrata a causa di una controversa formulazione dell'art.7''.

(Sal/Zn/Adnkronos)