GIUSTIZIA: BOBBIO, RIFORMA NECESSARIA (2)
GIUSTIZIA: BOBBIO, RIFORMA NECESSARIA (2)

(Adnkronos) - ''Per tutti questi motivi -ha proseguito Bobbio- e' opportuna la riorganizzazione che passa attraverso la riforma dell'accesso al concorso, limitando la partecipazione a quanti hanno gia' superato l'esame di avvocato; la riqualificazione professionale per far cessare gli automatismi di carriera, sostituendoli con la meritocrazia, tramite esami, concorsi e valutazioni; e la separazione delle funzioni''.

''La separazione delle funzioni requirente e giudicante -ha spiegato Bobbio- e' un adeguamento dell'ordinamento giudiziario allo stesso Codice di procedura penale, e vuole essere una garanzia della terzieta' del giudice che deve essere formalmente e sostanzialmente altro rispetto al pm, dato che in tal modo si escluderebbe qualsiasi sospetto. Per l'organizzazione e la gestione della formazione degli uditori giudiziari, nonche' dei corsi di aggiornamento e formazione dei magistrati viene istituita una Scuola superiore della magistratura, fornita di autonomia giuridica, organizzativa e funzionale che utilizza personale ed organico del ministero delal giustizia''. (segue)

(Epa/Cnz/Adnkronos)