PESCA: VERTICE MINISTRI UE, POLEMICA DS SU INTERVENTO GALAN
PESCA: VERTICE MINISTRI UE, POLEMICA DS SU INTERVENTO GALAN
TIOZZO, AL PRESIDENTE INTERESSA IL PALCOSCENICO

Venezia, 25 nov. - (Adnkronos) - ''Al presidente Galan interessa il palcoscenico fornito dagli eventi mediatici e dai convegni, ma quando e' il momento di fare qualcosa di concreto per i problemi della pesca, sparisce''. Lo dice in una nota il consigliere regionale dei ds, Lucio Tiozzo, commentando le dichiarazioni del governatore veneto che, alla Conferenza europea sulla pesca, apertasi oggi a Venezia, ha proposto di abolire le acque internazionali in Adriatico. ''Siamo abituati -continua Tiozzo- a sentire Galan ipotizzare provvedimenti piu' o meno condivisibili: dalla costruzione di una diga subacquea dal Po al Tagliamento, per impedire la pesca professionistica lungo le coste, al divieto totale della pesca delle vongole''.

''Per la verita' -aggiunge- non sono sempre in disaccordo con lui, ma non si puo' intervenire in un settore cosi' importante solo a suon di sparate''. Per il consigliere d'opposizione il governatore ''dovrebbe assumere una posizione costante e lineare sui problemi che stanno mettendo in crisi il comparto''. ''E invece -prosegue Tiozzo- nel piano regionale di sviluppo non c'e' una riga riguardo alla pesca, cosi' dicasi anche per il Dpef''. ''Capisco -conclude- che il presidente Galan sia arrabbiato per le difficolta' che, d'ora in avanti, trovera' nella pesca al tonno, ma vorremmo invitarlo a preoccuparsi un po' anche per quelle migliaia di pescatori che, ogni notte, si alzano per andare a pesca, non per sport, ma per procurare il pane alle loro famiglie''.

(Apd/Pn/Adnkronos)