LAMEZIA TERME: GOVERNATA DA UNA CUPOLA AFFARISTICO MAFIOSA (3)
LAMEZIA TERME: GOVERNATA DA UNA CUPOLA AFFARISTICO MAFIOSA (3)

(Adnkronos) - E' una chiave di lettura complessa, con molte sfaccettature non tutte la momento decifrabili, quella che fa da sfondo all'omicidio dell'Avvocato Torquato Ciriaco, 55 anni, ucciso in un agguato la notte dell'1 marzo del 2002, ma sul quale, appunto, si e' posta l'attenzione dell'antimafia. E l'omicidio dell'avvocato Ciriaco sembra essere una delle cause che hanno determinato, appunto, lo scioglimento anticipato del consiglio comunale di Lamezia Terme per mafia. Una decisione non da tutti condivisa sul piano politico fino al punto che la senatrice azzurra del Collegio Catanzaro - Lamezia, Ida d'Ippolito, ha presentato un disegno di legge per modificare le regole che determinano lo scioglimento dei comuni per infiltrazioni mafiose. Una scelta questa che non viene condivisa dalla vice presidente della Commissione parlamentare antimafia Angela Napoli di An.

''Negli ultimi giorni, da piu' parti'', dichiara la vice presidente all'ADNKONOS, ''si sta sollevando una campagna tendente a modificare, in modo vergognosamente garantista, la norma vigente sullo scioglimento dei consigli comunali per infiltrazione mafiosa. Si grida - aggiunge - allo scandalo, si urla la propria innocenza, si diventa difensori degli indifendibili, trascurando il fatto che la 'ndrangheta e' ormai la piu' pericolosa tra tutte le organizzazioni e fingendo di ignorare che i suoi uomini sono riusciti ad infiltrarsi in tutta la pubblica Amministrazione e, quindi, anche nelle Istituzioni''. (segue)

(Prs/Zn/Adnkronos)