RAI: ANNUNZIATA ACCUSA E ORA RISCHIA LA SFIDUCIA (2)
RAI: ANNUNZIATA ACCUSA E ORA RISCHIA LA SFIDUCIA (2)
VENEZIANI, PRESIDENTE SMENTISCA O SI INCRINA RAPPORTO FIDUCIA

(Adnkronos) - Ma la reazione non si e' limitata alle smentite delle telefonate e rischia di provocare una sorta di 'mozione di sfiducia' da parte dei consiglieri. Francesco Alberoni ha detto che ''non se ne puo' piu' di un presidente che non fa altro che dichiarare''. E Marcello Veneziani e' stato ancora piu' esplicito: ''Mi auguro che Lucia Annunziata chiarisca il suo pensiero e corregga l'incauta affermazione che, non smentita, incrinerebbe il rapporto fiduciario con il Cda''. Rumi esclude di aver mai ricevuto telefonate dal premier (''nemmeno lo conosco di persona'', aggiunge). E Angelo Maria Petroni sospetta sarcastico che il presidente della Rai abbia ''operato un transfert psicoanalitico. Probabilmente -scrive in una nota- la dottoressa Annunziata pensava a consiglieri Rai del passato, a presidenti del consiglio del passato e a giornalisti Rai del passato''.

Decisiva sara' dunque la seduta che si terra' domani pomeriggio al settimo piano di Viale Mazzini. Sul tavolo del consiglio rimane anche la spinosa decisione sulla conduzione della striscia informativa che dovrebbe prendere su Raiuno la collocazione che in passato era de ''Il Fatto'' di Enzo Biagi. Dopo Bruno Vespa, Ferruccio De Bortoli, Giulio Anselmi, Giovanni Minoli, Piero Ostellino e Paolo Graldi entrano nel toto-conduttori anche Maria Latella, Barbara Palombelli ed Enzo Bettiza. (segue)

(Sin/Pe/Adnkronos)