SOFRI: PDL BOATO, SI' DALLA COMMISSIONE DOPO ULTIMA MEDIAZIONE (2)
SOFRI: PDL BOATO, SI' DALLA COMMISSIONE DOPO ULTIMA MEDIAZIONE (2)
TAORMINA, SI PREVEDE RESPONSABILITA' DEL CAPO DELLO STATO

(Adnkronos) - ''Una formulazione di compromesso ma positiva -dice Boato- perche' e' stato superato il punto che prevedeva come unica percorso per arrivare alla grazia quello della domanda obbligatoria''. Secondo il nuovo testo, la domanda di grazia e' sottoscritta ''dal condannato, da un suo prossimo congiunto o dal convivente o dal tutore o dal curatore ovvero da un avvocato da essi incaricato''.

Si prevede, poi, un ruolo per il magistrato di sorveglianza che contribuisce a formulare la ''proposta'' del ministro della Giustizia secondo l'iter 'classico' della grazia. Ma il comma sette aggiunge che queste disposizioni si applicano ''anche nel caso in cui il procedimento per la concessione della grazia e' avviato su iniziativa del presidente della Repubblica''. Spiega Carlo Taormina: ''In sostanza si dice che o si fa la domanda o il presidente della Repubblica si assume la responsabilita' di intraprendere il procedimento. Ora vediamo cosa accade''. (segue)

(Gmg/Pe/Adnkronos)