G8: BOLOGNA, GIUDICE MANCUSO ASSOLTO PER DICHIARAZIONI
G8: BOLOGNA, GIUDICE MANCUSO ASSOLTO PER DICHIARAZIONI
CASTELLI CHIESE AZIONE DISCIPLINARE

Bologna, 10 feb. - (Adnkronos) - Le Sezioni unite della Corte di Cassazione hanno assolto il presidente della Corte d'Assise di Bologna, Libero Mancuso, dall'accusa di aver ''mancato i doveri di riserbo e di correttezza con le sue dichiarazioni sul G8 di Genova'' respingendo cosi' i ricorsi avanzati dalla Procura generale della Cassazione e dall'Avvocatura dello Stato (per il Ministero della Giustizia) contro la decisione presa il 21 marzo 2003 dalla sezione disciplinare del Csm. Il giudice era stato posto sotto accusa per alcune dichiarazioni rese a Radio Popolare a proposito delle manifestazioni a Genova durante il G8.

''E' piu' difficile indagare su Genova che sulla strage di Bologna -aveva detto il 2 agosto del 2001 il magistrato-. E' chiaro che ogni volta che pezzi dello Stato debbono rispondere di episodi cosi' rilevanti penalmente scattano protezioni e coperture anche perche' non si sa mai dove finisce la catena delle complicita' e quindi dell'omerta' di Stato''. Frasi che avevano spinto il ministro Castelli a chiedere alla Procura generale della Corte di Cassazione di aprire un'azione disciplinare nei confronti di Mancuso. Stessa richiesta che il Guardasigilli ha formulato per il contenuto di una sua lettera a favore della grazia ad Adriano Sofri, pubblicata su 'L'Unita'' del 13 novembre 2002. La richiesta e' stata notificata ieri all'interessato. Una terza incolpazione era stata promossa per i giudizi su Berlusconi premier e imputato, formulati sempre dal magistrato nel corso di un suo intervento al congresso regionale della Cgil dell'Emilia-Romagna.

(Mea/Rs/Adnkronos)