EXPO 2008: ANTONIONE, TRIESTE CANDIDATA 'NATURALE' (2)
EXPO 2008: ANTONIONE, TRIESTE CANDIDATA 'NATURALE' (2)
''PREVISTI INVESTIMENTI PER 700 MLN NELLA ZONA DEL PORTO VECCHIO''

(Adnkronos) - E' in virtu' di tutte queste caratteristiche, sottolinea ancora il sottosegretario, che il governo italiano ha deciso di candidarla a sede dell'Expo del 2008, ''proponendo un tema di grande attualita' e di grande fascino, quello della mobilita' della conoscenza, considerato fondamentale per avvicinare le culture e per evitare lo scontro delle civilta', per aiutare i Paesi piu' poveri a creare le condizioni di uno sviluppo'' necessario a evitare derive estremistiche e fondamentaliste.

Nel caso in cui il Bie dovesse dare luce verde a Trieste - e per questo l'Italia ha gia' messo in campo una pressante attivita' diplomatica nei 91 paesi che fanno parte del Bureau - verrebbe utilizzata la zona del porto vecchio della citta', dice Antonione, un'area di 700mila metri quadrati situata a pochissima distanza dal centro.

''Sono previsti investimenti importanti, molti dei quali destinati alle infrastrutture. Si parla di una cifra intorno ai 700 milioni di euro al cui reperimento contribuirebbero anche privati - spiega Antonione - E il ritorno sarebbe enorme: secondo uno studio, tra giugno e settembre del 2008 arriverebbero in citta' oltre sei milioni di visitatori''. Senza contare che questi stessi investimenti potrebbero accelerare la realizzazione del corridoio numero 5 Trieste-Lubiana-Budapest-Kiev, l'asse destinato a unire l'occidente all'est europeo. (segue)

(Nap/Pn/Adnkronos)