USA: DISNEY, E' GUERRA PER L'IMPERO DI TOPOLINO (2)
USA: DISNEY, E' GUERRA PER L'IMPERO DI TOPOLINO (2)

(Adnkronos/Marketwatch) - In attesa di una prossima mossa del colosso del 'cable', dopo il rigetto della sua offerta miliardaria, Eisner non rimane comunque con le mani in mano, fermamente determinato a rafforzare l'Impero sotto la sua gestione e ad aumentare i consensi di azionisti e Cda in vista dell'importante meeting. E' riuscito proprio nei giorni scorsi ad aggiudicarsi, dopo un corteggiamento di 14 anni, i personaggi del Muppet Show, che dagli anni ottanta hanno conquistato milioni di bambini nel mondo. Con questa mossa, Eisner ha lanciato un messaggio chiaro ai suoi possibili pretendenti, cosi' come ai suoi 'nemici' interni: l'azienda, grazie alla mia gestione e' forte, vale molto e non intende svendersi al primo arrivato.

Nel frattempo Roy Disney ha pero' inviato una lettera agli azionisti invitandoli a non rieleggere il manager al ponte di comando. Insieme a Stanley Gold, il nipote del fondatore di Topolino ha lanciato una campagna contro la rielezione di Eisner definendo la sua guida della societa' negli ultimi tempi insufficiente. I due accusano inoltre il manager di essere poco incline a seguire la tradizione Disney, nonche' di essere responsabile dell'allontanamento della Pixar, la casa di animazione che ha prodotto film come il candidato all'oscar ''Alla ricerca di Nemo'. La Pixar ha dichiarato infatti di essere decisa a non rinnovare il contratto di distribuzione durato 12 anni. In questo scenario Concast aspettera' probabilmente l'esito del meeting annuale Disney prima di lanciare un possibile nuovo attacco. (segue)

(Mdm-Gct/Pn/Adnkronos)