WELFARE: POVERTA' IN CALO AL CENTRO E AL SUD STABILE AL NORD (5)
WELFARE: POVERTA' IN CALO AL CENTRO E AL SUD STABILE AL NORD (5)
IN CAMPANIA IL MAGGIOR NUMERO DI FAMIGLIE A RISCHIO

(Adnkronos/Labitalia)- Se si considera, invece, la distribuzione territoriale delle famiglie povere (che va letta tenendo conto del diverso numero di quelle residenti), in testa spicca la Campania, dove si concentra il 18,5% dei nuclei a rischio di esclusione. Una percentuale consistente si trova anche in Sicilia, pari al 15,8%.

Seguono la Puglia (12,2%), la Calabria (8,7%), il Lazio (6,4%), la Lombardia (5,7%), il Piemonte (5,2%), la Sardegna (4,1%), l'Abruzzo (3,5%), la Toscana (3,4%), l'Emilia Romagna (3,1%), il Veneto (2,8%), la Basilicata (2,3%), il Friuli Venezia Giulia (2%), il Trentino Alto Adige e la Liguria (entrambi 1,5%). Percentuali inferiori si registrano in Molise (1,3%), Marche (1,1%), Umbria (0,8%) e Valle d'Aosta (0,2%).

(Lab/Rs/Adnkronos)