MADRID: LA SPAGNA IN PIAZZA DICE NO AL TERRORISMO/RIEPILOGO
MADRID: LA SPAGNA IN PIAZZA DICE NO AL TERRORISMO/RIEPILOGO
BERLUSCONI E PRODI AL FIANCO DI AZNAR E DEL PRINCIPE FELIPE

Roma, 12 mar. - (Adnkronos) - Piu' di due milioni di madrileni sono scesi in piazza oggi per gridare il loro no al terrorismo. Sotto la pioggia, con gli occhi gonfi di lacrime, hanno sfilato per il Paseo de Recoletos, nel cuore di Madrid, dopo essere partiti da Plaza de Cibeles, gia' stracolma molte prima delle 19 quando il corteo e' partito. ''Con le vittime, con la Costituzione, per la sconfitta del terrorismo'' si legge sullo striscione che apre il lungo serpentone umano, guidato dal premier Jose Maria Aznar, affiancato dal principe Felipe, il leader del Pp Mariano Rajoy, quello del Psoe, Jose Luis Rodriguez Zapatero, e tutti gli altri rappresentanti dei partiti spagnoli.

Fianco a fianco con le autorita' spagnole, alla manifestazione contro il terrorismo hanno preso parte anche il presidente della Commissione europea Romano Prodi, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il premier francese Jean Pierre Raffarin, il collega portoghese Jose Manuel Durao Barroso, il ministro degli Esteri tedesco Josckha Fischer e i colleghi marocchino e svedese, Mohamed Benaisa e Laila Freivalds. Al grido 'assassini assassini' da tutto il Paese hanno marciato, con le insegne del lutto, per le 199 vittime, per la piccola Patricia, che a solo sette mesi e' rimasta uccisa nell'attentato alla stazione El Pozo, per i 1440 feriti, per tutta una nazione colpita come mai prima nessun Paese europeo. Per facilitare la partecipazione al grande momento di cordoglio e protesta la capitale ha messo a disposizione gratuitamente i mezzi pubblici anche se i convogli dei pendolari in alcuni casi sono rimasti deserti. (segue)

(Red/Zn/Adnkronos)