CUORE: STILI DI VITA A RISCHIO IN 70% ITALIANI, PARTE CAMPAGNA (2)
CUORE: STILI DI VITA A RISCHIO IN 70% ITALIANI, PARTE CAMPAGNA (2)
50% MORTALITA' E DISABILITA' EVITABILE GRAZIE A PREVENZIONE

(Adnkronos/Adnkronos Salute) - La novita' principale della campagna 2004, hanno spiegato i promotori, e' il test di autovalutazione 'gratta e scopri', differenziato per uomini e donne, e in base alla presenza o meno di diabete, e costruito sulla base della nuove carte del rischio cardiovascolare realizzate dall'Istituto superiore di sanita' e consultabili anche on line sul sito Internet www.cuore.iss.it.

Dalla ricerca Eurisko ''pare che il cuore degli italiani non goda di buona salute'', ha avvertito il presidente di Heart care Foundation-Progetto 'Tuttocuore', Franco Valagussa, sottolineando che ''quest'anno i messaggi di prevenzione utilizzeranno lo strumento principe messo a punto dall'Iss'' monitorando le malattie cardiovascolari in 12 aree rappresentative della realta' nazionale. La parola d'ordine e' prevenzione, ha aggiunto il Carlo Schweiger, primario cardiologo dell'ospedale di Rho (Milano) e past president di Heart Care Foundation-Progetto 'Tuttocuore'. ''E' infatti risaputo - ha precisato - che circa il 75% delle cardio-vasculopatie puo' essere attribuito a ipertensione, colesterolo alto, fumo, obesita', inattivita' fisica e basso consumo di frutta e verdura. Ma piu' del 50% della mortalita' e della disabilita' puo' essere evitato semplicemente correggendo i principali fattori di rischio''.

(Sal/Pe/Adnkronos)