RIFIUTI: CGIL PALERMO, NO AL TERMOVALORIZZATORE A TERMINI
RIFIUTI: CGIL PALERMO, NO AL TERMOVALORIZZATORE A TERMINI

Palermo, 23 mar. (Adnkronos) - La Cgil di Palermo si schiera contro la proposta avanzata al Comune di Termini Imerese per la realizzazione di un termovalorizzatore per la trasformazione dei rifiuti in energia elettrica. Il progetto presentato dalla Olii Tomasello Srl, prevede degli impianti per la combustione con un camino alto trenta metri per l'emissione dei fumi.

Secondo Pino Lo Bello, responsabile del dipartimento ambiente della Cgil, si tratta di un intervento ''ingiustificato''. ''Quello che in realta' si dovrebbe promuovere -continua il sindacalista- e' la raccolta differenziata dei rifiuti e il riciclaggio''. A preoccupare la Cgil e' soprattutto l'impatto ambientale dell'impianto da 10 megawatt. ''Fare una discarica cosi' grande nell'area industriale di Termini Imerese -conclude Lo Bello- dove lavorano migliaia di persone, comprometterebbe e inquinerebbe tutto il centro urbano che dista solo 3 chilometri''.

(Dis/Pe/Adnkronos)