NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE - L'INTERNO (8)
NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE - L'INTERNO (8)

Roma. ''Sono convinto che anche all'interno delle opposizioni c'e' chi e' d'accordo con la devolution approvata ieri dal Senato, ma non puo' dirlo e non vuole dirlo''. Il ministro del Welfare, Roberto Maroni, ai microfoni di 'Radio anch'io' esprime la sua opinione in merito al reale sentire di alcune frange del centrosinistra sulla riforma costituzionale a cui ieri Palazzo Madama ha dato il primo via libera. Poi, sempre rivolto agli avversari politici, dice: ''ieri la sinistra non ha abbandonato l'aula, ma ha scelto di rimanere dentro e votare contro. Questo e' un fatto positivo''. Quanto al merito, Maroni ha osservato come il primo passo compiuto ieri pomeriggio verso un'Italia federale rappresenti ''una novita' rilevante. Il Senato federale non sara' piu' una seconda Camera identica all'altra ma si occupera' delle leggi che riguardano le materie su cui Stato e Regioni hanno competenze comuni sul modello tedesco. (segue)

(Pab/Opr/Adnkronos)