NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA

Roma. ''Nessuna citta' al mondo, specialmente in Paesi democratici come il nostro, puo' mettersi totalmente al sicuro dalla minaccia terroristica''. Lo ha sottolineato il ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu, intervenuto a Palermo all'inaugurazione dell'anno accademico del Centro Ricerche e Studi Direzionali. ''Se guardiamo alla sequenza dei principali attacchi terroristici di matrice islamista, da Bali a Riad, da Istanbul a Djerba, da Casablanca a Madrid, vediamo delinearsi chiaramente i tratti di una minaccia a scala planetaria, ma ora in marcia di avvicinamento a quello che gli stessi proclami dei vertici radicali definiscono il 'cuore dell'alleanza crociata'. Le recenti iniziative -ha proseguito- sembrano rispondere alla finalita', pi? volte dichiarata, di colpire i principali alleati degli Usa e quindi anche l'Italia''. La strage di Madrid ''sembrerebbe frutto di un nuovo approccio strategico, teso a sfruttare il momento politico e la particolare situazione interna, caratterizzata dalla presenza, seppure in crisi, del separatismo basco. Ne' in Spagna, ne' in Italia, ne' in altri Paesi europei va comunque sottovalutato il rischio che gruppi eversivi nazionali possano incontrarsi col terrorismo islamico anche solo occasionalmente, come compagni di strada. Questa come altre analoghe considerazioni, spesso agitate con eccessivo allarmismo, non ci hanno colti di sorpresa e i rischi che esse paventano non ci trovano impreparati. Siamo stati -ha ricordato il responsabile del Viminale- i primi in Europa a percepire i sinistri segnali di Instanbul e Casablanca e non abbiamo aspettato la strage di Madrid per dispiegare una vasta attivita' di prevenzione, apprestando ogni possibile difesa. E tuttavia anche della tremenda lezione di Madrid stiamo facendo tesoro, con l'ulteriore messa a punto dei nostri dispositivi di sicurezza''. (segue)

(Pab/Opr/Adnkronos)