BOLOGNA: GUAZZALOCA, VOGLIO ESSERE GIUDICATO SUL FARE
BOLOGNA: GUAZZALOCA, VOGLIO ESSERE GIUDICATO SUL FARE
'COFFERATI FREQUENTA AMBIENTI ALTI, IO I QUARTIERI POPOLARI'

Roma, 18 apr. - (Adnkronos) - ''Voglio essere giudicato sul fare non sulle chiacchiere''. Questo l'obiettivo di Giorgio Guazzaloca, sindaco di Bologna che il 13 giugno si ripresentera' alle comunali per tornare a Palazzo D'Accursio. In un'intervista rilasciata a 'Il Giornale', il sindaco spiega di non voler ''fare una campagna elettorale tradizionale''. Si scontrera' con Sergio Cofferati, l'ex leader della Cgil, anche se Guazzaloca ha spiegato che il suo avversario e' solo ''Guazzaloca: quando ho soddisfatto lui, il resto non conta. Devo fare un lavoro. L'ho fatto. I cittadini giudicheranno aldila' degli sfidanti, che oggi sono sei''. Il sindaco ha poi fatto notare che frequenta ambienti diversi da Cofferati: ''Io i quartieri popolari, lui quelli alti''.

Il sindaco di Bologna ha spiegato che la sua ''non e' una giunta polista. E' una coalizione che si basa sulla mia lista civica, 'La tua Bologna'. E' la componente piu' forte ed e' in crescita''. E' data, secondo il sindaco, ''sopra il 20. Nel '99 avevamo sfiorato il 16. Se faremo dieci anni saranno quelli di Guazzaloca''. Ha espressamente ribadito di non fare ''comizi, ne' accanto a Berlusconi, ne' accanto a Fassino''. Il premier ''conosce l'anomalia di questa citta'. Nel '99 i cittadini hanno premiato una persona che a 55 anni, tanti ne avevo, non si era mai messa nei partiti''. (segue)

(Rif/Ct/Adnkronos)