IRAQ: CALDEROLI, CON TERRORISTI NON SI DEVE TRATTARE
IRAQ: CALDEROLI, CON TERRORISTI NON SI DEVE TRATTARE
VANNO ELIMINATI E PAGARE RISCATTO PER OSTAGGI E' DA PAESE PULCINELLA

Roma, 18 apr. - (Adnkronos)- ''L'editoriale del 'Corriere', solitamente ispirato dagli alti colli, e le dichiarazioni di alcuni, tra cui esponenti del governo, secondo cui si dovrebbe trattare il pagamento di un riscatto per il rilascio degli ostaggi, sono estremamente preoccupanti e danno, ancora una volta, l'immagine del 'paese di Pulcinella''. Cosi' Roberto Calderoli, coordinatore nazionale della Lega Nord, interviene nella vicenda dei tre ostaggi italiani ancora nelle mani dei guerriglieri iracheni.

''Trattare con il terrorismo -sottolinea il vicepresidente del Senato- rischia di avviare una spirale infinita che mettera' il Paese in condizioni di essere continuamente ricattato, anche in casa, da chiunque decida di finanziare le proprie attivita' criminali o di obbligare uno stato sovrano a liberare i peggiori criminali in circolazione. La strada della trattativa a tutti i costi rappresenta non la soluzione del problema, ma l'inizio di una serie infinita di problemi che mettera' il Paese in ginocchio e alla merce' del terrorismo islamico e autoctono. Con i terroristi di qualunque colore o di qualunque religione -avverte l'esponente leghista- non si tratta''.

(Pol/Ct/Adnkronos)