MORBILLO: UNICEF, MORTI IN CALO MA LONTANO OBIETTIVO 2005
MORBILLO: UNICEF, MORTI IN CALO MA LONTANO OBIETTIVO 2005
DIMINUITI DEL 30% NEL MONDO NEGLI ULTIMI TRE ANNI

Ginevra, 27 apr. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Il morbillo continua a mietere vittime. E il numero di morti, in particolare bambini, e' diminuito del 30% negli ultimi tre anni, lontano dal 50% fissato come obiettivo da raggiungere entro il 2005. Lo sottolinea un rapporto dell'Unicef, che lancia insieme all'Organizzazione mondiale della sanita' un appello ai governi a non sottovalutare la malattia: servono piu' risorse e un impegno continuo nei Paesi piu' colpiti.

Nonostante sia disponibile un vaccino efficace, sicuro ed economico da 40 anni, ricorda l'Unicef, il morbillo rimane per i bambini la principale causa di morte per malattie prevenibili con un vaccino. Secondo gli ultimi dati, dal '99 al 2002 si sono registrati 610 mila decessi, il 30% in meno. Gli sforzi maggiori li ha compiuti l'Africa, che ha segnato -35%. In totale, nel 2002 il morbillo ha mietuto 311 mila vittime in Africa, 196 mila nel Sud-est asiatico e 70 mila nell'area del Mediterraneo orientale. Nei Paesi colpiti viene vaccinato il 73% dei bimbi, al di sotto della percentuale raccomandata.

(Sal/Pe/Adnkronos)