TOSCANA: AGRICOLTURA A RAGGI X, BOOM DI IMMIGRATI IN REGIONE (2)
TOSCANA: AGRICOLTURA A RAGGI X, BOOM DI IMMIGRATI IN REGIONE (2)

(Adnkronos) - I curatori dell'indagine Roberto Pagni, Silvia Scaramuzzi e Lucia Tudini, hanno spiegato che la ricerca commissionata all'Irpet analizza la domanda di lavoro delle imprese agricole toscane. Sono stati inoltre approfonditi tre temi in particolare. In primo luogo la domanda di lavoro e di nuove professionalita' derivanti in primo luogo dal forte e recente sviluppo dell'agriturismo in Toscana. In secondo luogo sono state analizzate le attivita' di servizi per l'agricoltura e per il territorio rurale. Infine e' stato fatto uno studio sul ricorso all'occupazione extracomunitaria che cresce sempre piu'. I lavoratori impiegati in agricoltura in Toscana nel 2002 erano circa 56 mila, di cui circa 34 mila autonomi e 17 mila dipendenti fissi.

Dalla ricerca emerge con grande evidenza il fenomeno della precarizzazione. Per molti versi l'agricoltura (insieme all'edilizia) ha anticipato altri settori dell'industria e dei servizi per l'impiego molto flessibile di manodopera. Negli ultimi anni c'e' stato piu' un avvicinamento dei settori extra-agricoli a quello primario che viceversa. In particolare la consistenza dei lavoratori stagionali e' sempre stata piu' rilevante rispetto ad altri comparti produttivi: essi sono aumentati in Toscana sia in valore assoluto che in termini relativi rispetto alla media italiana, fortemente influenzata dall'andamento negativo dei braccianti nel Sud. (segue)

(Bea/Ct/Adnkronos)