NULL
NULL

TRIESTE: 'AMICI DELLA TERRA' DENUNCIANO A UE SISTEMA SMALTIMENTO RIFIUTI(2 = UNA DISCARICA A 300 METRI DAL FIUME TIMAVO

(Adnkronos) - In localita' Trebiciano, il Comune di Trieste dal 1958 al 1972, riferisce Giurastante, ha ''utilizzato 160 mila metri quadrati di Carso incontaminato quale discarica''. A soli 300 metri dalla discarica di Trebiciano c'e' l'omonimo abisso, nelle cui profondita e' visibile il Timavo, fiume che scorre sotto le viscere della terra per un lungo tratto. Ma non basta, gli Amici della terra sostengono che di fronte al lungomare di Trieste, nel terrapieno di Barcola, riposino le ceneri dell'inceneritore e fanghi industriali, rifiuti portati li' con l'autorizzazione comunale dal 1979 al 1982, a pochi metri dai bagnanti.

Anche la Valle delle Noghere, dal 1966 al 1981, accusano gli ambientalisti, e' stata usata come discarica dal Comune di Trieste e dall'Ezit (ente zona industriale Trieste). In quell'area sarebbero state scaricate carcasse di animali infette, generi alimentari avariati e, ma e' ancora da appurare, i resti di esumazioni dal cimitero triestino e residuati bellici.

Questa degli Amici della terra e' la terza denuncia alla Commissione europea per la situazione rifiuti nella provincia di Trieste. La prima riguardava gia' la Valle delle Noghere. A seguito di quella denuncia, la Commissione europea ha avviato un procedimento di infrazione contro l'Italia per inquinamento.

(Afv/Rs/Adnkronos)