OSPEDALI: IL PEDIATRA, FRA NEONATI 800 MORTI EVITABILI OGNI ANNO
OSPEDALI: IL PEDIATRA, FRA NEONATI 800 MORTI EVITABILI OGNI ANNO
35MILA NEL MONDO - IN ITALIA ATTENZIONE A MINI-STRUTTURE

Milano, 11 ago. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - ''E' la nascita il momento a piu' alto rischio per i bambini in ospedale''. Parola di Gianfranco Temporin, pediatra di Rovigo e segretario nazionale del Gruppo di pediatria ospedaliera che, commentando i dati sugli errori in ospedale emersi dal rapporto della Commissione tecnica sul rischio clinico del ministero della Salute, cita una stima allarmante. ''Pensiamo infatti - dice all'ADNKRONOS SALUTE - che ogni anno in Italia si verifichino 800 morti evitabili al momento della nascita, concentrate in piccole strutture della penisola, con pochi parti e senza la pediatria. Si tratta di centri a rischio, e di decessi che bisogna cercare in ogni modo di prevenire. Un numero allarmante, se si considerano i circa 500.000 bebe' che vengono alla luce ogni anno''.

Un dato che, a livello mondiale, ''raggiunge quota 35.000. Si tratta di decessi gravissimi, proprio perche' si potevano evitare''. Il problema, in questi casi, non sono tanto gli 'errori di comunicazione', quanto la mancanza di 'grandi numeri', che fanno dei piccoli ospedali luoghi in cui ''la nascita e' ancora a rischio''. Per il resto, ''non esistono dati sugli errori nel caso di bimbi ricoverati. Ma e' un problema che ci siamo posti, perche' la prevenzione e' necessaria. Ogni anno, infatti - conclude il pediatra - 160 bimbi su mille finiscono in ospedale per un qualche problema di salute, e vanno tutelati in ogni modo''.

(Sal/Ct/Adnkronos)