OSPEDALI: ORDINE MEDICI, SI' A TECNOLOGIE PER RIDURRE ERRORI
OSPEDALI: ORDINE MEDICI, SI' A TECNOLOGIE PER RIDURRE ERRORI
DEL BARONE, MA NON DIMENTICHIAMO BUONA SANITA'

Milano, 11 ago. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Si' a pc e risk manager in ospedale per ridurre gli errori in corsia. Ma occhio a dimenticare la buona sanita'. ''Perche' ogni anno milioni di persone si ricoverano e vengono ben assistite, e se manca la fiducia fra medici e pazienti gli 'sbagli' possono moltiplicarsi''. Parola di Giuseppe Del Barone, presidente della Federazione degli Ordini dei medici, che commenta i dati della Commissione tecnica sul rischio clinico (nata all'interno della Direzione della Programmazione del Ministero della Salute), diffusi oggi da 'Il Messaggero'.

Se gli errori in corsia riguardano circa 320mila pazienti l'anno, e provocano 30-35mila morti , Del Barone obietta che ''questa stima sembra un po' esagerata. Certo e' che quando si moltiplicano i passaggi da una persona all'altra, la comunicazione puo' creare problemi''. Non a caso, la Commissione indica che negli ospedali che hanno adottato strategie di controllo, sorveglianze computerizzate e il ''risk manager'' (colui che riesce a prevenire le situazioni di pericolo) il margine di errore si abbatte fino al 50%. (segue)

(Sal/Ct/Adnkronos)